Agrumi, simbolo del Mediterraneo,

un  lungo viaggio che ha unito Oriente ed Occidente.

Citrus Aurantium

Originaria dell’Oriente, la pianta è ormai diffusa e coltivata in molti Paesi mediterranei. Si differenzia dal classico arancio soprattutto per il gusto amaro della sua polpa.
Questo tipo di arancio annovera diverse proprietà benefiche e terapeutiche 

La pianta, con ogni probabilità,  è un reincrocio di Citrus maxima con la Citrus reticulata.

Il suo olio essenziale è molto utilizzato nella produzione di profumi e liquori

(Amari - Bitter)  

Citrus Bergamia

Molti poeti  lo hanno definito "  il più splendido dei frutti” o, addirittura, il “pomo di Afrodite” al fine di rinnovarne il mito nel tempo. La sua origine, ancora incerta, in Calabria e solo nella sua fascia costiera jonica, si hanno notizie del bergamotto sin dalla fine del ‘400 quando, innestato su una pianta di limone, il bergamotto venne coltivato in maniera estensiva per estrarre dalla buccia - di un penetrante profumo - la sua preziosa essenza:

l’olio essenziale

Citrus Latifolia

"È il risultato di un incrocio tra i limoni e le arance, è più dolce del limone e ha mutuato proprietà e qualità da entrambi. Quando è ancora verde, a volte viene usato al posto del limone, mentre quando è maturo può essere usato al posto dell'arancia. È meglio consumarlo solo quando è maturo.“

Il succo di lime è molto usato nella mixology e rappresenta una delle basi di cocktails iconici come mojto e daiquiri

Citrus Reticulata

È uno dei tre agrumi originali del genere Citrus assieme al cedro ed al pomelo 

 Nel 2014, un lavoro scientifico ha chiarito la complessa sistematica degli agrumi definendo come tutti gli agrumi derivino da tre sole specie: 

mandarino, pomelo e cedro.

 

Citrus Sinensis

“Aranci, alberi che adoro,

 il vostro profumo mi è dolce!

 Vi è cosa nel regno di Flora che possa riuscir più gradita?

 Quei frutti dalla buccia soda sono un antico tesoro;

e il giardino delle Esperidi non vide mai altri pomi d'oro.“ 

L'arancio  è  un antico ibrido, risultato di un incrocio di oltre 4000 anni fa tra il pomelo e il mandarino. Il frutto dell'arancio viene spesso chiamata arancia dolce per distiguerla dall'arancia amara

Citrus Medica 

"Sii come il cedro, che profuma anche l'ascia che lo abbatte"

(Proverbio indiano)

Il cedro  e' considerato il capostipite di tutti gli agrumi in quanto è proprio dal cedro che derivano tutti gli altri frutti appartenenti al genere. E' un concentrato di qualità nutrizionali e benefiche per l’organismo ed è una vera e propria miniera di sali minerali e vitamine, in particolare vitamina C, inoltre è ricco di flavonoidi e rientra, quindi, tra gli alimenti antiossidanti.

Citrus Aurantiifolia

“Limon Calaber fructu minimo rotundo angustioribus et brevioribus foliis”: così nel 1726 Paolo Partolomeo Clerici identifica la limonetta rotonda calabrese descrivendone le caratteristiche. La limetta è un agrume caratterizzato da un profumo delicatissimo e da una buccia di colore giallo-verde, dalla polpa dolciastra o leggermente acidula e poco sapida ed è un altro dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Calabria (PAT).

 

Citrus Paradisi

"Un limone cui si è presentata un'occasione e ha saputo approfittarne.“

(Oscar Wilde)

Il pompelmo è un frutto succoso molto amato perchè dissetante e light. Ha proprietà digestive ed antinfiammatorie. E’ ricchissimo d’acqua e dunque eccellente per reidratarsi e anche per drenare liquidi e tossine in eccesso. 

Citrus Sinensis

Le arance rosse si presentano con buccia di colore verde acceso con sfumature rosse variabili a seconda delle varietà e del momento di raccolta. In Sicilia identifica tre varietà (Moro, Tarocco e Sanguinello) a Indicazione Geografica Protetta (IGP) coltivate nelle province di Catania, Enna, Ragusa e Siracusa. La natura dei terreni, il clima, le escursioni termiche ed il sole fanno dell’Arancia Rossa di Sicilia IGP un prodotto unico per qualità e tipicità.

Citrus Myrtifolia

Il chinotto deve il suo nome alla Cina, luogo da cui sarebbe stato importato verso la fine del '500 o all'inizio del '600 da un livornese o savonese. Secondo alcuni ricercatori invece la pianta sarebbe originaria del Mar Mediterraneo dove si sarebbe sviluppata a seguito di una mutazione gemmaria dell'arancio amaro.  All'infuori dell'Italia (LiguriaToscanaSicilia e Calabria), la sua presenza si limita alla Costa Azzurra francese.

Citrus Limonum

"Da quelle zagare disfatte
dal lume della luna, da quell’effluvio di un amore esasperato, affondato in fragranza, uscì dall’albero il giallo,
dal loro planetario scesero a terra i limoni." 
(Pablo Neruda)

In Italia la pianta fiorisce 4 volte l'anno, grazie al microclima. Sulla pianta di limone è possibile trovare insieme le zagare (fiori), i fruttini in crescita e i frutti maturi. Si parte in autunno con il limone primofiore (buccia liscia e colore giallo). Poi a gennaio arriva il limone invernale (buccia gialla), seguito in aprile dal limone bianchetto (buccia più chiara). In estate il limone da consumare è il verdello (buccia verde ma molto succoso).